La disfunzione erettile è una condizione molto comune

La disfunzione erettile è una condizione molto comune Attenzione a non confondere le doglie di parto naturale, l’età e il reale. Con l’età, l’erezione può venire meno rapidamente, che richiedono più di eccitazione e stimolazione diretta. Allo stesso modo, le erezioni spontanee sono meno frequenti e la rigidità è meno intenso. Questi cambiamenti sono generalmente più frequente dopo 50 o 60 anni.

La disfunzione erettile è una condizione molto comune : in tutto il mondo, 152 milioni di uomini sono interessati. In Francia, secondo i risultati di studi francesi *, 2.2 a 3,6 milioni di uomini soffrono da esso. Oltre alla stanchezza, stress o depressione (origini, psicologica), può essere favorito da altri fattori come il fumo, il diabete, l’ipertensione, malattie cardiovascolari, colesterolo o l’assunzione di alcuni farmaci.

L’incubo della disfunzione erettileL'incubo della disfunzione erettile

Dr. Sylvain Mimoun, ginecologo e andrologo presso il dipartimento di urologia dell’ospedale Cochin (Parigi) nota uno strano paradosso : „L’impatto della disfunzione erettile è generalmente considerato innocuo, mentre diversi studi recenti mostrano che i pazienti si sentono a una significativa riduzione della loro qualità di vita.” Quando dovremmo parlare ? È molto difficile rispondere, ma non appena questo problema genera un vero e proprio deterioramento della qualità della vita e quindi la salute, deve essere in grado di essere l’oggetto di una consultazione.

Secondo diversi studi, gli uomini in genere attendere da tre a cinque errori, prima di varcare la porta dello studio medico. È troppo tardi, dopo un certo periodo di tempo ? „Non si può dire che ci sono periodo oltre il quale nulla è possibile. Molte soluzioni sono disponibili oggi.

L’unico requisito rimane la motivazione, come quando un paziente mi chiede una domanda del genere, io di solito chiedo a lui : „Ma tu vuoi essere in vena ?”. Se la risposta è positiva, allora non è troppo tardi !”, spiega il Dottor Mimoun.Ma la nota più ottimistica è uno sviluppo del comportamento sessuale dei francesi. Pur rimanendo „sensibile”, la disfunzione erettile non è più percepito come un tabù, o sopportate con rassegnazione. Grazie per la proliferazione di fonti di informazione, gli uomini sanno che le soluzioni esistono e di consentire loro di non soffrire in silenzio.

A parlare è ancora difficile…

A parlare è ancora difficile...Disturbi di erezione e di mettere in discussione la sua virilità, la paura di parlare della sua intimità, la paura di essere giudicato „prestazioni”… gli uomini non parlare dei loro problemi sessuali. Mentre 88.7% degli intervistati ha riconosciuto soffrono di disfunzioni erettili, solo il 13,3 per cento ammette di essere trattati. Ma tutti sono cercatori di cure mediche ? Non è così sicuro, secondo il Dottor François Giuliano : „Questo non è perché un uomo che soffre di disfunzione erettile è sofferenza. Il ruolo del medico è quello di rispondere a un reclamo, è necessario che esso esiste.

In questo senso, la medicalizzazione di questi problemi non è necessario se l’uomo ha trovato il suo equilibrio”.

Ma tra i pazienti richiesta, la parola non è facilmente rilasciato. E nonostante l’alterazione della loro qualità di vita e l’armonia della loro coppia, sono poco propensi ad affrontare l’argomento con il proprio medico. Tra frustrazioni e rinunce, il non-così-chiamato die hard. „Parlare di intimità non è facile. È anche necessario che il medico lascia aperta la finestra di dialogo, dimostra una sensibilità abbastanza…”, ha detto il Dottor Giuliano. Così, dopo aver letto i nostri articoli sulla disfunzione erettile, la maggior parte degli uomini affrontare questi disturbi ammettere che continuano a cercare informazioni (42,9 %) e più di uno su cinque (il 22,1 per cento) non ha intenzione di fare nulla!!! Spingere la porta di uno specialista rimane così difficile.

Dodaj komentarz

Twój adres email nie zostanie opublikowany. Pola, których wypełnienie jest wymagane, są oznaczone symbolem *